Archivio dell'autore: yazo

Baba

BABA

By CHRISTOPH JENNI

Baba è allo stesso tempo semplice e allegro. È composto da tre elementi semplici organizzabili liberamente per ottenere diverse funzionalità. A seconda dell’altezza e della finitura della superficie del top, del fusto e della base, Baba può diventare un bistro table resistente alle intemperie, un colorato club table, oppure un elegante tavolino. Il tavolo è destinato a meeting e dining, in un ambiente home o office sobrio ed elegante. Le linee essenziali e l’estetica raffinata lo rendono perfetto per piccole conference room per incontri di lavoro.

Specifications
Stratos-M

Stratos M

By STUDIO HANNES WETTSTEIN

Stratos M e Stratos MH moltiplicano le destinazioni d’uso e dimostrano la versatilità di un progetto di successo. Le scocche allargate e l’estrema varietà di rivestimenti offrono un indiscutibile confort, che consente alle nuove declinazioni di Stratos Lounge di essere inserite in molte differenti tipologie di ambiente, contemporaneo o classico, pubblico o privato.

Specifications
Betinha

Betinha

By CHRISTOPH JENNI

  1. Ispirata alle curve femminili, come la sua sorella maggiore Betty, Betinha, si inserisce in ogni ambiente, come l’intrigante simpatica che ovunque si trova a sua agio. La struttura è la stessa, composta da due volumi assemblati in maniera unica come “implosi” in una forma armonica, compatta come una piccola donna. Molto confortevole e compatta, è adatta sia alla casa che gli spazi di lavoro. Le sue rotondità e volumi offrono molteplici possibilità di combinare differenti rivestimenti e colori.
Specifications
Stratos-MH

Stratos MH

By STUDIO HANNES WETTSTEIN

Stratos M e Stratos MH moltiplicano le destinazioni d’uso e dimostrano la versatilità di un progetto di successo. Le scocche allargate e l’estrema varietà di rivestimenti offrono un indiscutibile confort, che consente alle nuove declinazioni di Stratos Lounge di essere inserite in molte differenti tipologie di ambiente, contemporaneo o classico, pubblico o privato.

Specifications
Appia-Work

Appia Work

By CHRISTOPH JENNI

Appia Work è pensata esclusivamente e specificatamente per gli spazi di lavoro. La struttura, come per tutte le Appia, è in pressofusione di alluminio: incredibile materiale, durevole, completamente riciclabile, che la rende leggerissima ma al tempo stesso stabile e resistente. Con o senza braccioli, per uso individuale o in gruppo, in ambienti privati o condivisi, Appia Work si adatta a qualunque tipo di situazione.

Specifications
Maxdesign-SlideHomePage-2017-IT

Salone del mobile 2017

L’essere umano è in costante interazione con ciò che lo circonda, con lo spazio in cui vive e in cui trascorre il suo tempo. I nostri comportamenti e i nostri pensieri sono profondamente influenzati dagli elementi e dai sistemi che abbiamo intorno.

Allo stesso modo ciascuno plasma e trasforma un semplice spazio in qualcosa di stimolante dove ispirazione, idee e sensi trovano piena espressione. Il simbolismo che si cela dietro ad ogni singolo elemento diventa parte della nostra quotidianità e condiziona l’essenza stessa delle nostre attività. Quanto è importante valorizzare i contesti in cui viviamo? Stiamo creando una dimensione armonica e versatile intorno a noi?

02

FERRAGAMO SPA UFFICI OSMANNORO

Le sedute Appia arredano interamente la nuova palazzina della Salvatore Ferragamo destinata agli uffici a Osmannoro (Fi), inaugurata recentemente nel luogo che ospita da sempre la storica sede della maison.
Le sedute Appia utilizzate per reception, uffici, sale riunioni e sala convegni sono tutte con braccioli, con struttura in alluminio nero verniciato a polveri e seduta e schienale in rovere nero.
Disegnata da Christoph Jenni, Appia è un esempio innovazione in termini di sostenibilità ambientale: è realizzata infatti in alluminio, materiale durevole e riciclabile.
Proprio alla sostenibilità è stata posta una particolare attenzione nella realizzazione e arredo del nuovo edificio, per il quale è già stato avviato l’iter per la certificazione Leed Platinum.

01_News

Appia Book – Per Grandi e Piccini

“ c’era una volta…” Racconta la storia dello sviluppo del progetto Appia, la nuova collezione di sedute progettate da Christoph Jenni, scritta in maniera divertente e umoristica.
Il libro mostra la fantastica trasformazione di uno sgabello da mungitura,che decide di andare nel mondo e di fare qualcosa di sé…..


ORDINA IL TUO APPIA BOOK FOR FREE ( ESCLUSO TRASPORTO)

Azienda

Nome

Cognome

Indirizzo

Città

Paese

Email

Come sei venuto a
conoscenza di Maxdesign?

 yes Perpiacere speditemi la newsletter

appia-chair

Appia

By Christoph Jenni

La nuova collezione di sedie Appia multifunzione 
è caratterizzata dalla sperimentazione con tecnologie avanzate su materiali ad alte prestazioni come l’alluminio.
Con o senza braccioli, per uso individuale o in gruppo, 
in ambienti privati o condivisi, all’interno o all’aperto, 
il modello Appia si adatta a qualunque tipo di situazione, in linea con l’approccio multifunzionale tipico di Maxdesign: per l’ambiente di lavoro e non solo.

Specifications
Stratos-IMG_7339

Stratos

By Studio Hannes Wettstein

Ispirata al design classico automobilistico italiano, Stratos si compone di geometrie che danno luogo ad una forma caratteristica poliedrica. Questa particolarità estetica, aggiunta alla flessibilità di colori e rivestimenti, si rifl ette anche sulla sua funzionalità e versatilità, poiché le consente di dialogare facilmente con gli ambienti più diversi, sia moderni che classici, sia pubblici che privati

Specifications
X3-IMG_7432

X3

By Marco Maran

X3 si presenta come una sagoma leggera e trasparente dove il reticolo strutturale rimane volutamente visibile grazie ad una tecnologia innovativa. La trama così evidenziata gioca un importante ruolo estetico e dona alla seduta un distintivo aspetto grafico.

Specifications
Ricciolina-IMG_7463

Ricciolina

By Marco Maran

L’inconfondibile raccordo curvo tra seduta e schienale, unito ad una ampia offerta di finiture, colori e accessori, donano a Ricciolina eleganza, flessibilità ed ergonomia. Queste caratteristiche la rendono una sedia adatta alle più varie situazioni ed esigenze, dal domestico alla ristorazione, dall’home office al contract

Specifications
So-Happy-IMG_7567

so happy

By Marco Maran

La seduta e lo schienale di questa sedia si uniscono a disegnare un sorriso. So happy appartiene ad un immaginario domestico divertito ed allegro, ancor più evocabile dalle numerose possibilità di combinazioni cromatiche e di rivestimento, che permettono di caratterizzare personalmente ogni tipo d’ambiente

Specifications
Tototo-Tec

Tototo

By Hannes Wettstein

Particolarmente adatta all’outdoor grazie al caratteristico foro per lo scolo dell’acqua, Tototo è una seduta monoblocco facilmente impilabile in verticale. Fianchi e schienale sono disegnati in modo da rivelare parte della seduta, conferendole sensualità ed eleganza

Specifications
Zed-IMG_7668

Zed

By Hannes Wettstein

Zed deve il proprio nome all’inconfondibile profilo a zeta del bracciolo, che accompagna l’unione tra seduta e schienale in un disegno attento all’estetica e al confort. Versatile nelle finiture, questa seduta è la soluzione ideale sia per l’ambiente domestico che per il contract

Specifications
Dininho-IMG_7689

Dininho

By Studio Hannes Wettstein

La forma di questa poltroncina è determinata da linee inclinate e parallele, che ne definiscono il volume con un caratteristico taglio essenziale ed elegante. Solidità e ottimo confort della sua soffice imbottitura rendono Dininho appropriata
a soluzioni per il contract

Specifications
Stratos-Lounge-06

Stratos Lounge

By Studio Hannes Wettstein

La nuova generazione della famiglia Stratos dimostra una volta in più la
flessibilità di un design semplice ed elegante. Con le scocche dalle forme allargate
e la varietà dei rivestimenti, Stratos Lounge offre, senza esagerazioni, un ottimo
confort

Specifications
Betty-06

Betty

By Christoph Jenni

Il confort di Betty non è casuale: la forma della sua imbottitura evoca la
morbidezza di un cuscino. Il fascino di Betty risiede nella composizione di queste
forme a cuscino al fine di ottenere un’unica forma omogenea

Specifications
Dino-05-IMG_12304

Dino

By Hannes Wettstein

Dino deve la sua particolarità al profondo schienale che crea con il suo
volume una piacevole distanza dallo spazio circostante. La morbidezza dell’imbottito
e la generosità delle dimensioni contribuiscono ad infondere una sensazione di relax

Specifications
so-happy-lounge

so happy Lounge

By Marco Maran

Il caratteristico sorriso di So Happy si espande per dar forma ad una nuova
seduta, funzionale ad aree di relax ed attesa. So Happy lounge allarga la collezione
So Happy variandone le proporzioni, ma mantenendone invariata l’estetica.
Disponibile nella sola versione rivestita, si presta a tutte le situazioni che richiedono
una divertita comodità, sia in ambienti privati che in spazi pubblici

Specifications
Tavolino-Betty-05

Baba

By Christoph Jenni

Baba è allo stesso tempo semplice e allegro. E`composto da tre elementi
semplici organizzabili liberamente per ottenere diverse funzionalità. A seconda
dell’altezza e della finitura della superficie del top, del fusto e della base,
Baba può diventare un bistro table resistente alle intemperie, un colorato club
table, oppure un elegante tavolino

Specifications
pic

Pic

By Studio Hannes Wettstein

Dotato di una simpatica base a treppiede disponibile in due diverse altezze,
Pic può avere un piano a tavolino oppure a vassoio che lo rendono versatile come
complemento a situazioni di lounge, living ed attesa

Specifications
Offset-02

Offset Table

By Tomás Alonso

La caratteristica del tavolo Offset è di avere una superficie divisa longitudinalmente
in due parti, che permette di gestire in modo più efficace il piano di lavoro.
La fessura separatrice dei due piani può allo stesso tempo servire per amministrare
cavi, oppure far da supporto a lampade, elementi separatori e vari altri accessori.
Il tavolo ad uso comune si può così trasformare in un vero e proprio
tavolo di lavoro

Specifications
Plato-06-tavoli_01

Plato

By Hannes Wettstein

Programma di tavoli con ottime caratteristiche di adattabilità grazie alla
varietà di forme e finiture disponibili. Plato risponde alle più svariate esigenze degli
spazi domestici e contract. Perfettamente combinabile con Dino, Dininho e Zed,
con i quali condivide l’estetica delle strutture, dialoga facilmente con diversi altri
prodotti

Specifications
Offset-Bookself-Front

Offset Shelf

By Tomás Alonso

La libreria Offset non è solo concettualmente e visualmente apparentata al tavolo Offset, ma possiede anche una sua molteplice funzionalità. Come sistema modulare di mensole con varie possibilità di combinazione, può essere utilizzato sia come modulo contenitore nell’ufficio che come sideboard nell’ambiente domestico

Specifications
newstudio

Studio Hannes Wettstein

Dopo la sua scomparsa l’architetto e designer Stephan Hürlemann ha continuato l’attività dello studio, in collaborazione con un collettivo di designer. Lo Studio Hannes Wettstein ha progettato diversi prodotti di successo per Maxdesign. La società è stata rinominata Hürlemann nel 2016.

http://www.huerlemann.com
wettstein

Hannes Wettstein

Hannes Wettstein è stato uno dei designer più innovativi e influenti della Svizzera. Il suo background non ha seguito un modello standard: nato nel 1958, Wettstein completa un apprendistato di Ingegneria Strutturale come disegnatore e successivamente si forma come designer e architetto. Era affascinato dagli sviluppi tecnologici così come dalla storia dell’arte e dall’architettura. Un pò ‘alchemico e geniale, aveva un modo unico di sviluppare idee che mai andranno perse. Nelle suo modo di parlare, mise in discussione tutte le norme, sociali, industriali, culturali e rituali, con lo scopo di scoprire sempre qualcosa di nuovo. Il suo essere categorico non era un atteggiamento, ma una metodologia. La sua voglia di ripensare sempre tutto determinava la progettazione delle azione quotidiane, l’organizzazione delle stanze, lo scopo per cui era creata ogni cosa lo portò a creare una soluzione sorprendentemente semplice che sopravviveva nel tempo. Trasferi’ la tecnologia nel design, gli anni di lavoro scientifico su un’idea o un materiale diedero forma al marchio di qualità Hannes Wettstein, creando un mondo in cui egli ha cercato di comprendere l’essenza delle cose che lo circondavano. Puro, non spettacolare, il design funzionale è l’impronta delle sue luci e arredi, forme eleganti e classiche linee moderne. Hannes Wettstein ha progettato oggetti eleganti e perfetti per l’uso quotidiano che hanno mantenuto la loro identità e sono rimasti fuori dal tempo, nonostante i continui cambiamenti della moda. Anche nel design delle stanze ha creato archetipi: soluzioni complete e sensibili per luoghi specifici, accessori per interni o scenografie. Il modo complessivo in cui ha disegnato il mondo continua a vivere oggi nell’azienda che fondo’ nel 1991, lo Studio Hannes Wettstein.

www.studiohanneswettstein.com
maran

Marco Maran

Marco Maran nasce a Siena nel 1963. Il suo design è il risultato di un continuo lavoro di ricerca, sintesi e perfezionamento dell’idea. Progetta con varie aziende di riferimento del design e partecipa a mostre nazionali e internazionali. Per tanti dei suoi progetti ha ricevuto premi e riconoscimenti: Primo premio al concorso Young & Design 1995 con il progetto Sinuè. Secondo premio al concorso Young & Design 1996 con il progetto Zip. Premio Internazionale Grandesign 1997 e Premio IIDA 1997 Product Design Achievement Awards con il progetto Chiacchiera. Nel 2003 vince il GOOD DESIGN Award di Chicago per il progetto So Happy e nel 2004, al Sidim di Montreal, vince il primo premio con i progetti So Happy e Nuda&Cruda. Nel 2005 con il progetto X3 vince il premio Catas per la sedia più innovativa. Nel 2006 vince il GOOD DESIGN Award di Tokio con i progetti Ricciolina e So Happy. Nel 2006 il progetto body to body viene selezionato per ADI DESIGN INDEX. Nel 2008 vince il GOOD DESIGN Award di Chicago per il progetto Body to Body e il premio internazionale Grandesign 2008 con il progetto Lovely.

jenny

Christoph Jenni

Nato nel 1976 a Rio de Janeiro, in Brasile, figlio di immigrati, in Svizzera studiò design industriale presso la FHNW di Aarau. Fino al 2010 fu un designer d’arredamento per lo Studio Hannes Wettstein a Zurigo. Successivamente ha fondato il suo studio privato a Aarau.
Christoph descrive il suo lavoro come una sintesi della sua origine brasiliana e dell’educazione svizzera, combinata con la precisione e la calma formale dell’esperienza acquisita lavorando per Hannes Wettstein.

alonso

Tomás Alonso

Nato a Vigo, Spagna, Tomas Alonso
ha viaggiato dall’etá di 19 anni per
poi proseguire la sua carriera come designer. Ha vissuto, studiato e lavorato in USA, Italia, Australia prima di spostarsi a Londra per completare un Master al Royal College of Art.
Nel 2006 ha co-fondato il gruppo di design OKAYstudio con altri 5 studenti appena laureati del Royal College of Art. Il suo lavoro é stato ampiamente pubblicato ed esposto a partire da Design Museum, Aram Gallery e Whitechapel Gallery a Londra e con mostre in Italia, Spagna, Francia, Canada, Giappone. I suoi lavori sono stati recentemente inclusi nella collezione permanente del Design Museum di Londra. Ha inoltre ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali incluso il First prize in the Promosedia International Design Competition
2008 con la sua sedia No.7. Il suo studio ha sede a Stoke Newington,
a nord est di Londra, accanto alle attività del gruppo OKAYstudio il suo lavoro è indirizzato specialmente alla produzione di mobili, illuminazione, design per interni e per mostre.
I clienti del suo studio sono produttori internazionali di arredamento per la casa o gallerie e musei quali il Next Level Galerie, Whitechapel Gallery, Design Museum, Spazio Rossana Orlandi, Commissaires Galerie, Matter New York o Phillips de Pury & Co. Alterna il suo lavoro di ricerca e di design con corsi e workshop sporadici; recentemente ha insegnato all’Écal
a Losanna (Svizzera). Esiste una forte influenza umana nei lavori di Tomas:
è fortemente interessato alla relazione che abbiamo con gli oggetti e che influenza hanno essi su di noi e sulle cose che ci circondano. Ha inoltre sperimentato con diversi materiali con il fine di ottenere il massimo dalle loro proprietà e nuovi modi per creare la struttura.